You are here
Home > Linfociti: cose da sapere

I linfociti sono fondamentali per il sistema immunitario del corpo umano. Essi rappresentano la colonna portante delle risposte immunitarie adattive, ovvero quelle che sono specifiche verso un antigene (per chi non lo sapesse, quest’ultimo è un elemento che viene riconosciuto dal corpo umano e che genera una risposta del sistema immunitario).

Possiamo vedere tre tipologie di linfociti, quelli di tipo “B”, di tipo “T” e di tipo “NK”.

I primi sono alla base della risposta immunitaria umorale, che è parte della più completa risposta adattiva.

I secondi sono invece alla base della risposta adattiva cellulo-mediata del sistema immunitario, ovvero quella funzione mediante la quale il corpo si difende tramite la produzione di macrofagi piuttosto che di anticorpi.

Il terzo tipo di linfociti, presente per il 20% del totale dei linfociti, ha la funzione di distruggere le cellule prima del loro sviluppo. Essi colpiscono le cellule tumorali che possono nascere nel corpo. Noti anche come “Natural Killer”, sono fondamentali per la nostra salute.

Il 95% di tutti i linfociti presenti nel corpo sono situati all’interno dei cosiddetti tessuti linfatici, come i linfonodi, da dove possono reagire velocemente agli antigeni che vengono riconosciuti all’interno del corpo. Solo il rimanente 5% si trova, invece, proprio nel corpo.

Tra le cose da sapere sui linfociti ci sono i valori normali che dovrebbero essere rilevati in ogni analisi del sangue, così da capire se le stesse “sono buone o meno”. Secondo Medscape, la conta dei linfociti totali deve essere compresa tra 1.5 e 3.5 x 109 per ogni litro di sangue.

Se dalle analisi si dovesse rilevare un alto numero di linfociti si potrebbe essere di fronte ad un’infezione virale.

Tra le principali cause di un’elevata conta linfocitica, troviamo malattie come l’epatite infettiva, il mieloma multiplo oppure un’infezione da virus come la mononucleosi e la leucemia linfocitica. Si tratta di problematiche che “scatenano” i linfociti del corpo, i quali si moltiplicano per cercare di difendere dall’assalto di antigeni esterni.

Se, da un controllo di routine, doveste riscontrare un problema del genere, l’invito è quello di rivolgervi velocemente ad un medico esperto così da capire la causa e il rimedio ideale per la vostra situazione.

Top