You are here
Home > Perdere peso > Come dimagrire correndo

Da decenni la corsa è una tra le attività fisiche più praticate al mondo, indipendentemente dal livello sociale, dall’età e dal luogo in cui si vive. È considerato uno sport completo e in grado di mantenere in forma il cuore e di favorire la circolazione. Per molte persone, inoltre, ha anche dei risvolti benefici a livello psicologico, perché – se praticato in un ambiente naturale – aiuta a rilassare e ad allentare lo stress al quale ormai quasi tutti sono soggetti. Pur coinvolgendo tutto il corpo, la corsa interessa prevalentemente le gambe ed i glutei.

Lo jogging leggero, quello che prevede un corsa ad una velocità di circa 8 km/h, permette di bruciare in un’ora ben 600 kcal. Quello invece più intenso, che raggiunge i 10 km/h brucia addirittura 800 kcal. Si tratta dunque di un ottimo sport dimagrante, che oltretutto non richiede corsi preparatori, né deve essere praticato in ambienti specifici. Anche l’attrezzatura necessaria è davvero poco impegnativa: occorrono solamente un paio di buone scarpe da corsa. Inoltre si tratta di un’attività sportiva che può essere praticata in qualsiasi momento della giornata, ovviamente in base alle proprie esigenze. L’utilizzo di un tapis roulant permette di praticare la corsa anche in casa e in presenza di condizioni climatiche avverse.

Pur se jogging è sinonimo di sport brucia grassi è però importante considerare che si tratta di un’attività fisica che grava sulle articolazioni e che dunque non è particolarmente indicata per i soggetti obesi o in forte sovrappeso. In questi casi diventa allora necessario rivolgersi ad un allenatore, per valutare insieme un programma di corsa personalizzato per non danneggiare ulteriormente le articolazioni. In ogni caso, anche per i fisici più asciutti, è sempre consigliabile calzare scarpe della propria misura e prediligere i terreni morbidi a strade asfaltate e lastricati. Ciò contribuisce a ridurre il rischio di infortuni. Tra i più comuni vi sono distorsioni, strappi e cadute. Soprattutto all’inizio è quindi meglio non strafare ed aumentare poco per volta velocità e tempo di percorrenza, così da abituare gradatamente l’organismo al nuovo impegno fisico.

Top